Mostra Da Lotto a Caravaggio: La collezione e le ricerche di Roberto Longhi

Caravaggio_-_Cena_in_Emmaus
Lorenzo Lotto Face Half
Lorenzo Lotto Face Half

La mostra attraversa due secoli di pittura e si sofferma sui periodi e le scuole italiane più studiate da Roberto Longhi, partendo dall’Officina Ferrarese proseguendo con Lorenzo Lotto e la scuola veneta per arrivare a Caravaggio e Jusepe de Ribera.

Roberto Longhi (1890 – 1970) è lo studioso che nel ‘900 ha riscoperto la figura di Caravaggio dopo secoli passati nel dimenticatoio della critica storico-artistica e sarà lui che con il suo sguardo di conoscitore e la sua passione di collezionista ci accompagnerà dentro la mostra.

Andrea Odoni - Lorenzo Lotto
Andrea Odoni – Lorenzo Lotto

La scelta dei dipinti caravaggeschi mette in particolare evidenza l’importanza de suoi precursori lombardi e veneti tra i quali spicca la figura di Lorenzo Lotto.

Per ricostruire il percorso critico di Longhi nella riscoperta della “pittura della realtà”, sono state selezionate opere particolarmente significative che riflettono l’originalità del pensiero dello studioso. Oltre ad alcuni prestigiosi prestiti esterni, il nucleo portante è rappresentato da quasi 50 dipinti appartenuti al grande storico dell’arte. Dipinti che con la loro storia attribuzionistica e con i tempi del loro ingresso nella raccolta rappresentano una vicenda capitale di riferimento per la moderna storia dell’arte.

La sede della Mostra

Caravaggio - Taking of Christ
Caravaggio – Taking of Christ

Il Broletto di Novara è un complesso architettonico medioevale costituito da quattro costruzioni perimetrali ad un cortile e realizzate in epoche diverse: Palazzo dell’Arengo Palazzo dei Paratici, Palazzo dei Referendari, Palazzo del Podestà.

Si trova nel cuore della città a pochi passi dal Duomo, vi si accede tramite un passaggio ad arco da Piazza della Repubblica ed un secondo arco da Corso Italia.

Da sempre fulcro della vita civile di Novara, il Broletto, accoglie oggi, dopo un radicale restauro realizzato in occasione del 150° dell’Unità d’Italia, la prestigiosa Galleria Giannoni, composta da centinaia di dipinti ed opere di artisti italiani di fama internazionale.

Il Broletto è oggi un contenitore straordinario di opere d’arte, è un luogo pubblico e aperto dove i nuovi allestimenti si distribuiscono negli spazi costruiti rispettandone e valorizzandone l’essenziale monumentalità, è uno dei luoghi centrali della storia e dell’identità cittadina, oltre ad essere luogo di passaggio, sede di mostre, eventi e spettacoli e di identità civica. è la memoria di una storia importante che deve diventare il fattore propulsivo per un nuovo sviluppo che veda la cultura al centro di un grande progetto.

Alcune delle opere esposte

  • Dosso Dossi – Giovane con canestro di fiori
  • Lambert Sustris – Cerchio della frode
  • El Greco, attr. a – Ritratto di gentiluomo
  • Bartolomeo Passarotti – Le pollarole
  • Orazio Borgianni – Compianto sul Cristo morto
  • Carlo Saraceni – Giuditta con la testa di Oloferne
  • Pier Francesco Mazzucchelli detto il Morazzone – Incoronazione di spine
  • Giovanni Lanfranco – Davide con la testa di Golia
  • Jusepe de Ribera – San Filippo
  • Valentin de Boulogne – Negazione di Pietro
  • Mattia Preti – Concerto a tre figure
  • Per gentile concessione del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo – Gallerie Nazionali d’Arte Antica di Roma, Palazzo Barberini e Galleria Corsini
  • Lorenzo Lotto – Ritratto di giovane con libro
  • Ludovico Mazzolino – Noli me tangere
  • Giovan Battista Crespi detto il Cerano – Deposizione di Cristo nel sepolcro
  • Lorenzo Lotto – Natività
  • Girolamo Romani detto il Romanino – San Girolamo