La Rivoluzione d’Ottobre al cinema con i film di Dziga Vertov (cinema sovietico)

Gli anni che seguono la Rivoluzione d’Ottobre sono caratterizzati da un clima diffuso di sperimentazione. Gli artisti cercano un approccio creativo al nuovo mezzo che sia in sintonia con . le mutate condizioni politiche e sociali. Tra questi, Dziga Vertov teorizza e mette in pratica una ricerca che ha come presupposto il rifiuto del cinema spettacolare di finzione, considerato strumento di potere e di oppressione. La sua macchina da presa è «un occhio più perfetto di quello umano», che esplora la realtà, coglie la vita nella sua immediatezza. Al montaggio spetta il compito fondamentale di strutturare e organizzare il materiale. L’uomo con la macchina da presa è un film manifesto, e un film sul cinema, che descrive la frenetica giornata di un cineoperatore a caccia di immagini. Il film è un susseguirsi di invenzioni visive, e mostra alternativamente sia ciò che la macchina da presa riprende sia l’operatore nel momento in cui sta filmando.

É nella sequenza di apertura di Ottobre che alcuni rivoluzionari si preparano a distruggere la statua di Alessandro III, imperatore di Russia. Un’immagine fortemente simbolica che apre una pellicola il cui intento è di celebrare il decimo anniversario della Rivoluzione d’Ottobre.

Realizzato con grandi mezzi, il film è caratterizzato dalla composizione ricca e meticolosa di ogni singola inquadratura, un ritmo serrato, una fotografia molto contrastata, angolazioni parti-colari di ripresa, i frequenti e intensi primi piani contrapposti alle scene corali.

Fimografia:

  • La settimana cinematografica (Кинонеделя) – diretto con Michail Kol’cov, Nikolaj Tichonov ed Evgenij Šneider (43 edizioni, 19181919)
  • Il piroscafo per la propaganda didattico-letteraria “Stella Rossa” (Literaturno-instruktorskij agitparochod vcik “Krasnaja Zvezda”) (documentario, 1919)
  • L’anniversario della rivoluzione (Годовщина революции) – diretto con Aleksej Savalev (1919)
  • Il cervello della Russia sovietica (Mozg Sovetskoj Rossij) (1919)
  • Il processo Mironov (Process Mironova) (1919)
  • Storia della guerra civile (История гражданской войны) (1922)
  • Kinopravda (Киноправда) (23 edizioni, 19221925)
  • Il 1º maggio a Mosca (Pervoe Maja v Moskve) (1923)
  • Evviva l’aria! (Daeš vozduch!) (documentario, 1923)
  • Calendario cinematografico di stato (Госкинокалендарь) (53 edizioni, 19231924)
  • Il cineocchio (Кино-глаз) (1924)
  • La sesta parte del mondo (Шестая часть мира) (1926)
  • Avanti, Soviet! (Šagaj, sovet!) (1926)
  • L’undicesimo (Одиннадцатый) (1928)
  • L’uomo con la macchina da presa (Человек с киноаппаратом) (1929)
  • Sinfonia del Donbassa/Entusiasmo (Энтузиазм) (1930)
  • Tre canti su Lenin (Три песни о Ленине) (1934)
  • S’erge Ordjonokidze (Памяти Серго Орджоникидзе) (1937)
  • Ninnananna (Колыбельная) (1937)
  • Tre eroine (Три героини) (1938)
  • Le novità del giorno (Новости дня) (1954)